DD VALLO

Bullismo e Cyberbullismo

GIORNATA NAZIONALE CONTRO IL BULLISMO E IL CYBERBULLISMO

La nostra scuola ha aderito all’iniziativa contro il bullismo con una serie di attività coordinate dalla Referente Sarlo Rosmunda

Le classi terza A e B, le quarte e le quinte della Scuola Primaria “Aldo Moro” hanno aderito ad un percorso innovativo del Gruppo Editoriale Raffaello accreditato dal MIUR e proposto in orario scolastico: L’ora di educazione civica”. È un progetto dedicato ad alunni e insegnanti che mira a sensibilizzare gli studenti riguardo a tematiche fondamentali quali il corretto uso del web, il cyberbullismo e il bullismo, la tutela dell’ambiente e tanto altro ancora. La metodologia scelta è quella della narrazione: si tratta di vere e proprie lezioni di storie” raccontate in classe da Luca Pagliari, giornalista e storyteller che da oltre vent’anni realizza campagne di sensibilizzazione in merito alle principali tematiche giovanili. Le lezioni verranno realizzate in modalità digitale: le classi saranno chiamate a collegarsi alle dirette web, che si terranno in orario scolastico curricolare per consentire agli studenti l’ulteriore supporto e la supervisione dell’insegnante, fondamentale riferimento per il buon esito del percorso. Si precisa che la webcam locale non sarà attiva.

Date degli incontri on line:

24 febbraio 2021Rete o ragnatela? – La narrazione affronta il tema, attraverso il racconto di alcune storie significative, delle insidie connesse al mondo social, analizzando, in particolar modo, il fenomeno Tik Tok e le sue trappole.

 3 marzo 2021Muoversi nel web – Attraverso una serie di esempi, verrà mostrato quanto sia semplice smascherare una fake news, nel contempo verranno ripercorse alcune storie attraverso le quali il web si è dimostrato di grandissima utilità: dalla ragazza africana che desidera diventare una stilista, a Cristian che grazie al web, nonostante una disabilità invalidante, riesce a creare un’importante rete di solidarietà.

 17 marzo 2021Le streghe ai tempi del web – La puntata si basa sulla testimonianza drammatica di Alessia: in seconda media a causa del suo cognome alcuni ragazzi coniano una sorta di scioglilingua: “Alessia Piga porta sfiga”. Nel giro di poco tempo Alessia diventa un’emarginata in quanto ormai ritenuta da tutti una iettatrice.

In questa fantastica avventura si sono aggiunte dal 28 aprile anche le classi 3 A e B

28 aprile 2021-Verde speranza. Un pianeta da tutelare

Il giornalista in questo incontro ha condotto i ragazzi nell’universo della raccolta dei rifiuti, nel riciclo e nel loro riutilizzo. Un taccuino di viaggio che ha portato gli studenti a visitare una discarica brasiliana dove vivono delle persone e in altre situazioni analoghe, in grado di far comprendere quanto sia fondamentale il nostro piccolo contributo per la sopravvivenza del pianeta

11 maggio 2021-Chiamami acqua…il flusso della vita

L’acqua, il bene primario per eccellenza, è stato il centro di questo viaggio mirato a generare consapevolezza nei confronti di questo elemento. Il più prezioso in assoluto. Luca Pagliari, quasi come un novello Virgilio, ha condotto gli studenti all’interno di sorgenti, lungo i fiumi, ha mostrato il funzionamento di un potabilizzatore e di un depuratore, e le immagini di un suo viaggio in Malawi, facendo comprendere in maniera ancora più profonda la necessità di ottimizzare l’utilizzo dell’acqua.

27 maggio 2021-Solo cose belle

La bellezza rappresenta da sempre un antidoto a tutto ciò che ha a che fare con l’illegalità, lo sporco, l’indifferenza e altro. Per questo motivo l’incontro finale con Luca Pagliari è stato dedicato a questo tema, perché l’educazione civica è specchio fedele dell’educazione alla bellezza.

Considerazioni di alcuni alunni delle classi quinte:

-In questi webinar abbiamo capito molte cose : il rispetto per la gente, per l’ambiente ed altro. Se non ci fosse stato il Covid sarebbe stato più bello, perché sicuramente ci saremmo potuti vedere normalmente.

-Ho capito quante cose belle e brutte ci sono nel mondo. E’ stata un’esperienza bellissima da ripetere.

-Abbiamo imparato a vedere la bellezza del mondo e capito che bisogna rispettarlo. Le storie tristi che ci ha raccontato il giornalista ci hanno fatto capire che per realizzare i nostri sogni dobbiamo crederci.